Accademia del Tartufo
Stampa
PDF

Valutazione delle potenzialità tartufigene di un terrreno

Ogni specie di tartufo ha esigenze pedologiche ben precise che devono essere rispettate per poter impiantare tartufaie razionali.

Per valutare le potenzialità tartufigene di un suolo è necessario effettuare le seguenti indagini:

  • analisi fisica e chimica del suolo;
  • osservazione diretta in loco;
  • analisi climatica.

L’analisi fisica (granulometria) e chimica (pH, carbonati totali e solubili, materia organica, potassio solubile) consente di valutare la possibilità o meno di coltivare una o più specie di tartufo. L’analisi del suolo è importante per poter scartare i suoli sicuramente non idonei, ma non è esaustiva per decidere l’idoneità tartufigena perché possono essere presenti impedimenti che non vengono evidenziati con l’analisi fisico-chimica.

L’osservazione diretta in loco consente di evidenziare altri caratteri importanti per definire la vocazionalità del suolo e alcuni parametri importanti per l’impianto della tartufaia:

  • la plasticità del suolo, evidenzia l’argilla presente che può essere di natura espandibile e tale da creare evidenti crepe del terreno nei periodi di siccità.
  • la vegetazione naturale consente di individuare le specie simbionti;
  • le dimensioni delle piante simbionti adulte consentono di individuare la densità d’impianto;
  • l’orografia consente di verificare la reale possibilità di utilizzazione delle macchine per l’impianto e la coltivazione della futura tartufaia;

Qualora in terreno sia idoneo per più specie di tartufo, si può scegliere quella più pregiata ed effettuare un progetto d’impianto e di coltivazione di una tartufaia.

L’analisi climatica viene eseguita quando, nella zona, non è presente allo stato spontaneo il tartufo che si intende coltivare. Va eseguita prendendo in considerazione i valori medi giornalieri o decadici delle temperature e delle precipitazioni che si sono verificate in un lungo periodo precedente l’impianto (ventennio-trentennio). Questi dati consentono al tecnico di valutare l’idoneità del clima e di scegliere alcuni interventi colturali per l’impianto e la coltivazione della futura tartufaia.